Come possiamo pregare in chiesa?

“Di solito, nelle celebrazioni liturgiche, l’assemblea prega attraverso il diacono o il coro, e il sacerdote rafforza e risponde a questa preghiera. Ecco perché il sacerdote di solito pronuncia le ekfonisis alla fine delle preghiere e delle ectenie, che dicono: “Hai pregato bene, perché il regno e il potere e la gloria appartengono a Dio”. La gente continua con un’altra preghiera, e il sacerdote risponde di nuovo: “Ben fatto. Poiché Egli è misericordioso e longanime”.
Le preghiere del sacerdote hanno anche un aspetto personale, di intercessione, quando il sacerdote dice: “Sì, sono un peccatore, e intercedo per le persone che hanno commesso errori e spesso non sanno nemmeno di averli commessi, perché conosco gli errori che io stesso, sacerdote, ho commesso, e quindi, Signore, ti chiedo di perdonarci perché siamo peccatori. Permettimi di pregarti per questo popolo e accogli la mia preghiera”.
È molto importante prestare attenzione alle parole della preghiera e personalizzare ciò che si legge. Per esempio, quando incontri nella preghiera la frase “Non mi sono mai addormentato nel mio letto senza lacrime”, ti rendi conto che stai mentendo se dici solo questo, perché in realtà lo hai fatto solo due volte l’anno o nella tua vita. Inizia a prestare attenzione a quello che dici, e ti renderai conto che potrebbe essere un’esagerazione o una bugia quanto avresti detto meccanicamente. Il pentimento e l’umiltà che esprimi nelle parole della preghiera di un santo per te sono bugie, perché non le senti così. È bene per esempio, quando si incontrano in una preghiera le parole “Signore, io sono il più peccatore degli uomini”, aggiungere onestamente: “Signore, San Giovanni Crisostomo ha detto questo, ma in realtà non mi vedo in questo modo, aiutami a pensarlo veramente”.
Credo che questo sia il punto fondamentale: l’attenzione alle parole della preghiera e la loro personalizzazione. Ho avuto esperienze con genitori che chiedono molto ai bambini piccoli e poi confessano che i loro bambini non possono più pregare, respingono la preghiera perché sono stati costretti a pregare. Queste famiglie sono quasi sul punto di disintegrarsi prima o poi, e i bambini che hanno vissuto in queste famiglie rischiano di rinnegare la fede. Abbiamo bisogno anche qui di un giusto grado di discernimento.”

Padre Ciprian Negreanu

sacerdote confessore dell’ASCOR

(Associazione degli studenti ortodossi cristiani rumeni),

Cluj-Napoca

Bogdan Constantin

Bogdan Constantin

Feste Cristiane