La nascita di Gesù Cristo nei nostri cuori

Rendiamo grazie a Dio per averci permesso di trascorrere nella pace un’altra Quaresima di Natale. Piccoli e grandi, aspettiamo con gioia questo periodo dell’anno perché è profondamente radicato nei nostri cuori. È un tempo in cui è opportuno coltivare la gioia e il calore interiore che ci sono dati dalle opere buone, dalla preghiera, dalla ricerca di Dio e dall’amore del prossimo perché possiamo veramente nutrirci del grande dono della nascita del nostro Signore e Salvatore Gesù Cristo. Padre Emilianos del Santo Monte Athos ha detto che i quaranta giorni di digiuno sono la prova della nostra volontà, l’educazione della nostra libertà, la preparazione del nostro spirito per essere ripieni di vera luce.

Della gioia per la nascita del Signore godono anche i nostri antenati, da Adamo fino ai nostri genitori, come dice il canto: “Rallegratevi per gli antenati dell’antichità, vedendo che Cristo il Messia sta arrivando!” Naturalmente, questa gioia del Natale è un presagio della gioia della Pasqua, e se guardiamo la bellezza della natura intorno a noi, vediamo e comprendiamo questo silenzio della natura come preparazione allo splendore della primavera, quando tutta la creazione sembra testimoniare la risurrezione del Signore.
Possiamo chiederci perché ci siano volute così tante migliaia di anni dalla creazione del mondo alla nascita di Cristo quando sappiamo che Dio è il Signore del tempo. Troviamo la risposta nelle Sacre Scritture, passando attraverso l’epoca dell’Antico Testamento per raggiungere quella del Nuovo Testamento in cui oggi viviamo. Ci è voluto tanto tempo perché l’uomo potesse prepararsi, comprendere, maturare, desiderare, chiedere e ricevere Dio. Era necessario che qualcuno veramente degno come la Beata Vergine Maria nascesse per accogliere Dio dentro di sé. Sant’Emiliano dice molto bene che “la Madre di Dio visse nel Santo dei Santi (il luogo del tempio dell’Antico Testamento dove Dio era presente) fin da giovane e quando uscì da lì, era lei stessa il Santo dei Santi, e stava per ricevere Cristo in lei”

Dobbiamo capire che il Salvatore non è venuto sulla terra per rivoluzionare esteriormente il mondo in cui viviamo. Mentre viveva sulla terra con il suo corpo, il Salvatore Gesù Cristo è stato sottomesso al regno in cui viveva, sottomesso a quel tempo che non era affatto favorevole, anche se avrebbe potuto cambiare tutto in un istante. Questo ci fa capire anche la ragione per cui ci sono stati un tempo dei regni cristiani che non esistono più perché gli uomini sono ritornati ai loro peccati. Il mondo terreno in cui viviamo è temporaneo. Il Salvatore è venuto a rivoluzionare il mondo interiore. Da questo noi cristiani di oggi abbiamo capito che è il nostro rapporto interiore con Dio che durerà nei secoli. Ma non abbiamo il potere di cambiare i secoli, né possiamo cambiare chi li domina.

Il Salvatore si è incarnato per rimuovere le tenebre spirituali dell’uomo. La sua venuta ha cancellato la solitudine del mondo, e chi si sente ancora solo è perché non ha ancora Cristo nel suo cuore. Coloro che sono lontani dai loro luoghi di origine lottano con questa solitudine che difficilmente possono sopportare, soprattutto se hanno lasciato le loro famiglie. Alcuni hanno potuto andare all’estero con la famiglia, ma altri sono dovuti partire senza i loro cari e hanno scoperto che l’unico modo per alleviare il dolore, il pesante fardello della solitudine è di avvicinarsi a Dio conoscendolo, mettendo in pratica i suoi comandamenti. Così, molti si sono avvicinati alla Divina Liturgia, alla confessione e alla comunione ai Santi Misteri solo dopo aver lasciato il paese di origine.

Il periodo di preparazione al Natale, di digiuno, di preghiera e di opere buone, ha lo scopo di prepararci all’accoglienza di Cristo nella grotta di ciascuno di noi. Dio viene e riposa dove trova un cuore semplice, umile, pacifico. Tutta la Quaresima del Natale ci chiama alla purificazione interiore per fare spazio al Signore. Non sprechiamo noi stessi e non lasciamoci conquistare dallo spirito mondano che ha quasi confiscato il vero senso del Natale, dandogli una connotazione desacralizzata. Cerchiamo di non sprecare la gioia sincera di questa festa in piccole cose, che hanno il loro significato, ma che non possono sostituire la gioia spirituale, che è immateriale. Più importante di tutto è il rapporto interiore e personale con Dio.

Cristo è nato! È veramente nato!


Padre Bogdan Constantin

Bogdan Constantin

Bogdan Constantin

Feste Cristiane